Lions club Bondeno Sponsor della ricerca

Lions club Bondeno Sponsor della ricerca

Abbiamo pensato fosse giusto contribuire al successo di questa ricerca

Una terapia antivirus: attacco a SARS-CoV-2 con uno spray antivirale

COVID-19 è una malattia di origine virale per cui ad oggi non ci sono farmaci antivirali specifici. La ricerca sui vaccini ha fatto passi enormi, ma essi non possono essere l’unico obiettivo da raggiungere, perché una sola arma contro il virus non basta. Manca però completamente un trattamento del soggetto positivo asintomatico. Pertanto la ricerca di terapie specifiche che, in caso di infezione, impediscano al virus di invadere l’organismo, è essenziale per la collettività e va sostenuta.

l virus SARS-CoV-2 infetta l’uomo prevalentemente per inalazione di goccioline o particelle contenenti il virus (in inglese droplets), emesse da un soggetto infetto o aerosolizzate da attività improprie (fumo, polvere). Dopo l’infezione, la malattia si manifesta con una “fase virale”, in cui SARS-CoV-2 si replica nelle cellule. Segue la “fase infiammatoria/immunitaria” di reazione dell’organismo al virus, in certi casi molto violenta. Sorprendentemente, i vari farmaci usati in clinica da inizio pandemia sono stati somministrati sistemicamente (per bocca o iniezione), mentre il virus aggredisce l’ospite entrando attraverso le prime vie respiratorie (naso, bocca, gola). I farmaci antivirali finora impiegati in clinica hanno dato risultati a volte contraddittori. Tuttavia, è probabile che ciò sia dipeso da un loro impiego tardivo e in piena “tempesta infiammatoria”, non centrando l’obiettivo diretto del virus in replicazione. Serve, perciò, un prodotto antivirale efficace per uso precoce, anche in positivi pre- e asintomatici, potenzialmente profilattico, che attacchi il virus direttamente là dove esso è entrato.

Il nostro gruppo di ricerca ha una competenza scientifica consolidata su formulazioni e tecnologie per somministrazione nasale e polmonare di farmaci. Per COVID-19 proponiamo un’opzione terapeutica razionale, che oggi manca: un prodotto innovativo contenente uno o più farmaci antivirali da somministrare mediante inalazione nasale/polmonare per colpire il virus direttamente nella mucosa infetta delle prime vie aeree. Inalando per via nasale e depositando l’antivirale sull’epitelio respiratorio, dove è assorbito, si ottiene una concentrazione elevata nel sito di infezione in contatto diretto col virus in replicazione. Nel frattempo, il resto dell’organismo è molto meno esposto al farmaco con minor rischio di effetti collaterali.

Il risultato principale della nostra ricerca sarà dunque la realizzazione, nell’arco di pochi mesi, di un prototipo di medicinale nasale/inalatorio (una combinazione tra composizione di sostanze antivirali e dispositivo per la somministrazione) anti SARS-CoV-2, pronto per il successivo studio di tollerabilità. Una volta approvato, esso garantirà il trattamento di positivi asintomatici con elevata efficacia e bassa tossicità, e la riduzione della contagiosità dei soggetti positivi verso altri individui. Dunque un prodotto con finalità sia terapeutiche che profilattiche.

https://crowdfunding.unifeel.it/progetto/una-terapia-antivirus-attacco-a-sars-cov-2-con-uno-spray-antivirale/?fbclid=IwAR1g88duxisdYA-mPtTi6TfqXw0GQLbzKV9oJclNXvc9Xa42FH1dFHkA8hw

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.